57867
post-template-default,single,single-post,postid-57867,single-format-standard,select-core-1.3.1,pitch-theme-ver-3.1,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,grid_1300,vertical_menu_with_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Chiarimenti su Google Maps

Da qualche tempo diversi nostri clienti, lamentano che le mappe (di Google) sui loro siti, non funzionano più.

Facciamo un po’ di chiarezza sulla questione.

A partire da luglio 2018, Google ha attivato delle modifiche sostanziali per l’utilizzo di servizi come Maps, Routes e Places. Queste modifiche, in breve, si applicheranno all’uso delle API, ossia Application Programming Interface; questa ‘specie’ di linguaggio di programmazione ci consente di avere ad esemopio, la nostra mappa sul nostro bel sito ed eventualmente, integrarla con informazioni specifiche sul luogo che ci interessa mostrare.

Sostanzialmente il cambiamento, rispetto a prima è la necessità di avere un account di fatturazione obbligatorio, legato ad un conto corrente oppure ad una carta di credito (non ricaricabile però).
BIG G ci da ogni anno 300$ (circa 260,00 €) di utilizzo gratuito delle API utilizzabili per la visualizzazione delle mappe.

Ricordiamoci però alcuni dettagli, la chiave gratuita di Maps ha una soglia di 25000 visualizzazioni mentre il costo gratuito (quello di cui sopra) ha la soglia a 28000 visualizzazioni, che da raggiungere, non son proprio poche per una mappa, ma noi ve lo auguriamo di cuore.

Vi ricordiamo inoltre che Google ha creato dei mini-pacchetti di visualizzazioni da 1000 visualizzazioni acquistabili per 5-7 euro, però con a disposizione i 300 dollari disponibili che da Google.

Quindi, per concludere, se nel Vostro sito web, vedete le mappe ofuscate o con messaggi di errore è facile che abbiate superato la soglia minima gratuita e dovrete per forza di cose attivare, uno o più piani di pagamento a seconda di quante API state gestendo.

Tags: