57899
post-template-default,single,single-post,postid-57899,single-format-standard,select-core-1.3.1,pitch-theme-ver-3.1,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,grid_1300,vertical_menu_with_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Blackout dei servizi di Big-G in tutto il mondo

Il 14 dicembre, in tutto il mondo, i servizi di Google hanno subito un crash su tutte le sue piattaforme, Gmail, Youtube, Drive ma anche la stessa piattaforma per la didattica a distanza e lo smart working.

Il problema ha iniziato a manifestarsi attorno alle ore 13 e 30 italiane, negli Stati Uniti, in vari Paesi europei, compresa l’Italia, ma anche nel resto del mondo (tra gli altri, Canada, Australia, Sudafrica, India e Pakistan).

In seguito Mountain View ha comunicato che il problema era in corso di risoluzione e pian piano ha ricominciato tutto a funzionare.
La stessa azienda ha comunicato che si sarebbe messa al lavoro per proseguire le operazioni di ripristino per riattivare tutti i servizi per quegli utenti che ancora riscontrano problemi.

In una nota, Big-G ha dichiarato. “Ti garantiamo che l’affidabilità del sistema è una priorità di Google e stiamo apportando continui miglioramenti per rendere migliore il nostro sistema”.